Tartuficoltura, vistosi pianelli ma di tartufi nemmeno l’ombra!

nov 30th, 2016 | By admin | Category: Tartuficoltura richieste dall\' Italia, Tartuficoltura tartuficoltori, rich. Lazio

salve mi chiamo “omissis” , e qualche anno fa precisamente nel novembre del 2009 ho impiantato circa 400 piante micorizzate per la raccolta del tartufo nero pregiato, le piante sonon di quercia, leccio, nocciolo, roverella, e carpino, sono nel centro degli appennini ad una quota di circa 800 mslm provincia di Rieti per l’esattezza , esposizione ottimale dell’impianto ovvero sud-ovest, con terreno che degrada leggermente (specialmente nella parte bassa dell’impianto), le piante sono state dislocate 3mt per 5 , (cosi sono stato consigliato allora da un azienda del settore molto blasonata “omissis”), premetto che le piante sono state curate, ovvero, zappate i primi tre anni di vita ,dopodiché , con l’aiuto di un trincia erbe taglio l’erba tre volte durante il periodo estivo (onde evitare residuo organico), inoltre intorno alle piante oramai alberelli (alti circa 3 mt con fusto di 15 cm di diametro), passo il decespugliatore per evitare il compattamento con le gomme del trattore.
lo scorso anno ho comprato un aratruf simile all’erpice e l’ho passato nel mese di maggio sul terreno per una migliore arieggiatura dello stesso.
ovviamente a sette anni dall’impianto ancora non ho avuto nessun risultato di raccolta, diversamente un mio amico ha impiantato circa 30 piante lo stesso periodo ,dalla stessa azienda e sono già TRE ANNI che cava tartufo nero pregiato, premetto che le analisi del terreno sono praticamente similari, il mio amico in più ha solamente un terreno più scosceso del mio di conseguenza più drenaggio.
mi chiedo COME è POSSIBILE???? l’unica differenza che contraddistingue le due tartufaie è che il mio amico nella suo piccolo impianto non vi è mai entrato con mezzi meccanici, tagliando nel periodo estivo l’erba con una falcetta a motore per poi togliere completamente sempre a mano tutto il fieno.
potrebbe essere che il residuo rilasciato dal mio trincia-erbe possa ripercuotersi nella produzione con un ritardo gia oramai di tre anni???
premetto che molte delle mie piante hanno vistosi pianelli ma di tartufi nemmeno l’ombra.
VI LASCIO CON QUESTI CURIOSI QUESITI, SICURO DI UNA RISPOSTA PRECISA E COMPETENTE

DISTINTI SALUTI “omissis”


Il richiedente verrà contattato gratuitamente e direttamente dall’esperto tartuficoltore che collabora con tartuficoltura.com. Per quesiti o informazioni gratuite sulle piante da tartufo, sulla coltivazione, produzione e commercializzazione di tartufi, per sapere come coltivare tartufi, i costi iniziali e di manutenzione degli impianti nonchè per le altre informazioni o per l’ invio di esperienze riguardanti la tartuficoltura, i tartuficoltori di ieri, i tartuficoltori di oggi e i tartuficoltori di domani possono scrivere a tartuficoltura@gmail.com


Comments are closed.